.
Annunci online

eugualemcalquadrato


Diario


16 giugno 2019

Passeggiata mattutina

Boschetto




         
                                Non c'è niente di meglio che la passeggiata mattutina - ore fresche in questa stagione - lungo una viciniora strada interpoderale con ai margini un boschetto di querce, olmi, ecc... in compagnia di Gaia la quale annusa tutto, seleziona gli odori vari e si comporta da cane; come è giusto che sia, seppur "costretta" a vivere la nostra vita accanto agli umani.

                                       Per quanto ci riguarda cerchiamo di infastidirla il meno possibile, senza renderla oggetto da "circo" e rispettando al massimo la sua natura; dammi la zampa, prendi la palla, ... et similia.









permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 16/6/2019 alle 4:10 | Versione per la stampa


11 giugno 2019

Istinto

Cani e gatti

 

                Cani e gatti; la Natura, dotandoli dell'istinto, li ha messi gli uni contro gli altri.

                Non sopporto i cani che vanno a braccetto con i gatti,  sono contro-Natura!

                 Gaia è perfetta; li detesta. Un buontempone - conoscendo questa sua perfezione di animale - ha fatto credere ad essa, che comprende il nostro linguaggio dell'uso comune, comunicandoglielo con precisione ed indicando il presunto nascondiglio, che un gatto si era rifugiato nella canaletta di scolo delle acque meteo del giardino di una villetta vicina alla nostra. 

                  Non lo avesse mai fatto; si è voluta sincerare da sola e, solamente dopo affannata - quanto inutile - ricerca del gatto ed averla presa in braccio e portata all'altezza del supposto nascondiglio, si è quasi tranquillizzata, dopo aver annusato con meticolosità. Quando esce di casa e/o rientra, ora solo uno sguardo all'insù per stare ancora più tranquilla, ma passa oltre. Ha notato l'assenza di tracce del "nemico" ed ha ragionato, evitando ricerche inutili dopo il primo accesso al supposto nascondiglio.

                 L'Istinto la governa ed è meno pericoloso, talvolta, della Ragione che gli umani utilizzano spesso per fare del male.




 




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 11/6/2019 alle 3:24 | Versione per la stampa


7 giugno 2019

Meglio essere invidiati che ...

Caffè







                        Il primo del mattino, quando siamo nel nostro buen retiro sul Lago di Bracciano, viene sorbito con questo panorama da Trevignano Romano (Bracciano di fronte, all'orizzonte, con Vigna di Valle alla sua destra.


                            Vuoi mettere? Ha un sapore eccellente, anche se fatto in casa!







                              




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 7/6/2019 alle 4:20 | Versione per la stampa


2 giugno 2019

Disprezzo

Carità (?) umana



 

                           Ci sono tanti e ben tanti altri motivi affinché una persona dotata di raziocinio debba trovarsi contraria a questa Chiesa ed ai suoi "rappresentanti"; oltre che verso tutte le Religioni, negazioni del Libero Pensiero.

                    C'era proprio necessità che un suo officiante (tre nella fattispecie) ne aggiungesse ora anche questo; anche se non è la prima volta che ciò accade? 

                   Certo che no! La"carità" cristiana, tanto sbandierata dal pulpito, non ha trovato ospitalità nella casa ove si predica bene e si razzola malissimo, pur se richiesta, nella circostanza, verso l'amico più fedele dell'Uomo.

                       Il Dio (?) che osannano, genuflettendosi al Nulla, non ha creato (?) anche gli animali?

                    Un sentimento di disprezzo/disgusto umano mi ha assalito. Il cane non tradisce mai!

 

da Il Messaggero del 26/5:

"

Sacerdote non fa entrare in chiesa il cane che piange al funerale del padrone a Torino

Domenica 26 Maggio 2019

Sacerdote non fa entrare in chiesa il cane 

che piange al funerale del padrone Foto


«È rimasto fuori dalla chiesa piangendo e ululando per un'ora durante il funerale del suo padrone, il mio vicino di casa». A raccontare la vicenda su Facebook è Mathias Franco Gilardi. Pavel è un labrador marrone e ieri mattina si è recato accompagnato dalla sua famiglia a salutare per l'ultima volta il fedele padrone. Tuttavia, nella Chiesa Pier Giorgio Frassati (Torino) non c'è stato modo di convincere i tre preti presenti: «Il cane qui non entra».  ...

"

  • Risultato immagine per cane



 

 

                      







permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 2/6/2019 alle 4:10 | Versione per la stampa


28 maggio 2019

Upupa epops

Upupa




 

                       A distanza di un anno - e come ogni stagione primaverile - ci è venuta a trovare di nuovo la coppia che nidifica nelle vicinanze; nei boschetti che caratterizzano la località. Ne scrivo oggi nuovamente, dopo - anche - il post del 12 maggio 2018, perché è emozione che vorrei condividere con chi mi legge.

                         Sulla parte di prato a maggese, ma non disdegna la zona a giardino, curata, trova cibo per sfamare la nidiata.

                  Uccelli molto belli, con un volo particolare, molto schivi e timorosi; noi facciamo del nostro meglio per non disturbarli. 

                 Presumiamo la cosa sia gradita se ritornano con cadenza annuale, graditissimi ospiti.


"

L'upupa comune o upupa eurasiatica (Upupa epops Linnaeus, 1758) è un uccello bucerotiforme della famiglia degli Upupidi[2].

L'upupa è l'uccello nazionale dello Stato d'Israele dal maggio 2008...

Il nome di questo uccello deriva dall'onomatopea latina del verso che soprattutto i maschi sono soliti emettere durante il periodo riproduttivo, e che suona come un cupo hup-hup-hup trisillabico.

L'upupa è sicuramente uno degli uccelli più appariscenti diffusi alle nostre latitudini: la colorazione molto accesa, rosso-arancio con ali e coda a bande bianche e nere, il lungo becco leggermente ricurvo e la cresta erettile sulla testa risultano inconfondibili fra gli uccelli nostrani, sebbene risulti abbastanza difficile avvistare un'upupa in virtù delle sue abitudini schive e della sua predilezione per le aree rurali e scarsamente antropizzate.

L'upupa è un uccello amante degli spazi aperti e dei climi miti: pur occupando un areale estremamente vasto (che comprende gran parte di Europa, Asia ed Africa), essa tende a migrare verso siti più caldi solo nelle aree temperate, mentre in quelle tropicali e subtropicali risulta stanziale...L'avvistamento di questo uccello è molto raro. 

Una delle caratteristiche fondamentali dell'upupa è il volo, uno sfarfallio lento che la rende riconoscibile anche a distanze notevoli. L'upupa è un insettivoro, per questo motivo ha il becco lungo e sottile per mangiare gli insetti. ...
"

Immagini di repertorio (sulle nostre terre)








permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 28/5/2019 alle 3:50 | Versione per la stampa


23 maggio 2019

Dimora storica

Castello di Pyrgi



 

                                  Una giornata dedicata alla cultura; visita al Castello di Santa Severa, località marina al Nord di Roma.

   

                                Pyrgi.

"Storia

Nello stesso sito del Castello di Santa Severa, al limite meridionale della frazione, sorgeva già nell'età del Bronzo un villaggio costiero, testimoniato da alcuni ritrovamenti ceramici. Successivamente nell'area si sviluppò l'importante abitato etrusco di Pyrgi, che fu il porto principale di Caere (l'odierna Cerveteri, da cui dista 13 km) ed uno tra i più importanti scali marittimi di tutta l'Etruria. Frequentata da mercanti greci e fenici, Pyrgi fu sede di un celebre santuario sacro alla dea Uni (assimilata alla fenicia Astarte). La città è citata da Virgilio nell'Eneide.

Sul sito dell'antico porto etrusco fu impiantata nel 264 a.C. una colonia romana, fortificata da maestose mura "ciclopiche" ancora in parte conservate.

Nel corso dell'alto medioevo si sviluppò sulle rovine della cittadina romana un piccolo borgo medievale affiancato da un castello dell'XI secolo prospiciente il mare. Nel 1068 il cavaliere normanno Gerardo di Galeria[1] donava la chiesa e il castello di Santa Severa all'abbazia di Farfa che poi li cedette ai confratelli di San Paolo. Le famiglie nobili dei Tiniosi e dei Bonaventura lo contesero per decenni finché nel 1482 Papa Sisto IV non lo donò al Pio Istituto Santo Spirito.

Il centro balneare di Santa Severa si sviluppò negli anni trenta come residenza estiva di numerosi gerarchi fascisti. Le abitazioni costruite facevano parte della "Cooperativa 28 Ottobre". All'inizio si contavano pochissime case, tutte ville unifamiliari; successivamente, durante gli anni settanta, venne costruita anche la località più a nord della frazione oggi denominata "Grottini", in riferimento alla costa rocciosa ivi sottostante.

Nella seconda metà degli anni sessanta il Pio Istituto di Santo Spirito, all'epoca proprietario del Castello di Santa Severa, ne ordinò la ristrutturazione. I lavori furono diretti da Riccardo Medici e vennero ultimati nel 1970[2].


"















permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 23/5/2019 alle 4:10 | Versione per la stampa


18 maggio 2019

Resort

Cane di lusso

 

                      Gaia gradisce il soggiorno nel Resort di casa nostra; sonnellino pomeridiano compreso.


                       E' viziata? Sì, ma è un cane di lusso - nonché campionessa (Eccellente!) - e se lo può permettere. 




 




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 18/5/2019 alle 16:24 | Versione per la stampa


10 maggio 2019

Attesa (bis)

L'ora del rientro





                              Tardo pomeriggio dei giorni feriali, rientra al domicilio, dal lavoro, il tutore - persona che l'ha prelevata dal canile/allevamento ed ha scelto di trovarsi così una vera "padrona" - di Gaia ed essa si mette sul ballatoio della scala esterna ad attenderlo.

                        Guarda verso il cancello carrabile dell'ingresso al box ed esprime così tutto il suo affetto; in attesa di scodinzolare e fare le feste alla persona che ha scelto come "capo branco".

                              Ad ognuno di noi in famiglia dispensa "dolcezza", differentemente a seconda dei nostri ruoli nei suoi riguardi; ma con Dario è vero "amore"!












permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 10/5/2019 alle 5:0 | Versione per la stampa


5 maggio 2019

Attesa

L'ora del pranzo

 

                       Quando si avvicina l'ora del pranzo di mezzogiorno Gaia, la nostra padroncina, si siede sul portico laterale, davanti alla porta della cucina ed aspetta paziente mentre noi le prepariamo il vitto, riscaldandolo, per come già confezionato in anticipo. Tutto cotto, non crocchette; ha lo Chef personale!

                      Il suo orologio biologico la comanda a bacchetta - mattina, mezzogiorno e sera -,,  l'orario  - minuto più, minuto meno - deve essere rispettato e, quando chiudiamo la porta, rimane sul tappetino esterno fiduciosa. Se l'operazione si prolunga, allora protesta.











permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 5/5/2019 alle 4:20 | Versione per la stampa


1 maggio 2019

Ben arrivato!

Maggio






                                Il mese delle rose e degli ... asini!

                                La prima sbocciata nel nostro giardino, colta di primo mattino bagnata dalla rugiada.








permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 1/5/2019 alle 4:10 | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 824377 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

ale
esperia
fiore
fiordistella
fulmini
garbo
grandmere
il bokkaglio
paoletta
piccoleonde
scalpo
valigetta
Beppe Grillo
Quicalabria


La sua famosa equazione dimostra come L’energia E e la massa m di un corpo non siano indipendenti. Possiamo calcolare l’una a partire dall’altra moltiplicando o dividendo per un fattore c², dove c è la velocità della luce nel vuoto. In altre parole la massa e la luce sono convertibili tra di loro, come gli euro con i dollari, ma al contrario delle monete il tasso di cambio tra energia e massa è fisso.

CERCA