.
Annunci online

eugualemcalquadrato


Diario


30 settembre 2018

Natura spettacolare

Boccea e ... nuvole




                                 Uno dei pomeriggi inoltrati, turbolenti in atmosfera, di inizio mese.

                                 Le nuvole danzavano all'orizzonte ed io le ho immortalate. Che spettacolo!




                                   



                                   




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 30/9/2018 alle 4:40 | Versione per la stampa


25 settembre 2018

S.O.S. Cani

Jack Russel femmina




                   Ore 21.00 circa del 4 c.m., strada provinciale-circumlacuale del Lago di Bracciano; percorso che porta dal paese omonimo verso Trevignano Romano. Rientro a casa nel buio - oramai - della notte.

                    Una vettura che viene incontro nell'altro senso di marcia rallenta, freno anch'io e scorgo, in mezzo alla carreggiata un esserino vivente impaurito. L'altra vettura prosegue, io mi fermo subito, accosto, scendo, e mi ritrovo tra le braccia un Jack Russel, femmina, con le mammelle gonfie, segno che è in allattamento.

                       La zona non è urbanizzata, ma scorgo in lontananza - verso la campagna circostante - una luce, segno di antropizzazione, e, riposta la "trovatella" sul tappetino del  lato passeggero, proseguo su una strada interpoderale, sterrata, fino davanti ad un cancello. Suono al video-citofono ed alla voce che mi risponde racconto con pochi accenni del ritrovamento, chiedendo se la cagnolina fosse colà di casa. "Scendo subito e verifico se è uno dei nostri cani".   

                      Si apre un cancello ed arrivano altri tre esemplari di piccola taglia, due Jack Russel ed un Cocker. Arriva la padrona di casa e ..."E' Nebbia (nome di fantasia perché anche i cani hanno diritto alla privacy!), ha i cuccioli!". Prende in braccio la fuggitiva ed iniziano i ringraziamenti di rito anche da parte del giovane ragazzo che accompagnava la madre. Anche il padrone di casa si presenta e ringrazia.

                            Sensazioni bellissime, intense e grande soddisfazione la mia per aver salvato la vita ad una cagnolina che così può proseguire il suo percorso di vita, anche da madre.

                           Il giorno dopo sono andato a trovare la fortunata portando, anche per i suoi amici a quattro zampe, una scatola di biscotti per cani. Sono fatto così e mi piaccio tanto! 

           





permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 25/9/2018 alle 4:40 | Versione per la stampa


20 settembre 2018

Maestro ed allievo

Cimabue e Giotto





                                 E' risaputo, la Storia della pittura - e dell'Arte in genere, ma non solo - riporta molti "sorpassi". Giotto ha superato il suo Maestro Cimabue.

                            Da giovane subacqueo ho avuto quale allievo - anche - un giovanissimo discepolo; il terzo dei miei germani.

                               Dotato di notevole acquaticità e capacita respiratoria di certo rilievo per l'apnea, non ci ha messo molto a superarmi. Del resto la "classe" non è acqua!

                                Io ho continuato con "piccolo cabotaggio", distratto da altre cose della vita e non solo per scarsità di prede; mentre il "Giotto" in parola sempre a caccia di trofei più consistenti.

                                 Ora l'allievo, diventato già da tempo Professore - anche nella vita/professione - mi sfotticchia; ma io sono contento della riuscita degli scarsi rudimenti di pesca che gli ho saputo/potuto trasmettere, oltre la sua passione smodata e, direi, incontrollata.


                         
(Luigi, con l'erede accovacciato, metà anni '70, mostra due pesci Palo - famiglia dei Gronghi - tirati fuori da una pietraia in quel di Torrente Barruca (Roccella) a profondità ancora rispettabile per l'apnea)



(Una delle ultime prede di Luigi, anno 2009, esibita da tre giovani ammirati di quanto pescato da un terribile "vecchietto")



("Giotto", estate anno 2018, invia al suo Maestro)


("Giotto", ancora in tenuta di pesca,  mostra alcuni dei sui tantissimi trofei dell'estate 2018)

P.S.: 
Anno 1982, estate, il Maestro e l'Allievo durante una lezione. Foto scattata su una foto dell'epoca.





permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 20/9/2018 alle 3:40 | Versione per la stampa


16 settembre 2018

Capparis spinosa

Cappero







                                  Boccea (Roma) succursale di Pantelleria ed ecco i capperi di produzione propria.

                                         E che piante di capperi!







permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 16/9/2018 alle 4:15 | Versione per la stampa


12 settembre 2018

Inno alla Libertà

Ho tifato per il pachiderma





                           La notizia é del 27 dello scorso mese, ma come non gioire ancora oggi, da sempre e per sempre, con inno alla Libertà, per quanto messo in atto dall'elefante?

                            Sono contro ogni forma di prigionia, per animali in primis, e contesto il Circo quando costringe esseri viventi in cattività. Anche lo Zoo mi infastidisce e non poco!

da Il Messaggero del 27/8:
"




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 12/9/2018 alle 4:20 | Versione per la stampa


8 settembre 2018

Fitoterapia

Peperoncino





                                     Prodotti naturali per effetti naturalissimi; fitoterapia con capsicum.

                            Trattasi di produzione propria con piantine ricavate da semi delle precedenti stagioni di fruttificazione.



(Diavolicchi riprodotti/coltivati in casa) 





(pianta da semi regalata da un amico; peperoncino esotico!)




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 8/9/2018 alle 4:40 | Versione per la stampa


4 settembre 2018

Animale stupido

Pesca stoltamente inutile





      Poco distante dalla Costa dei Gelsomini, davanti alla cittadina di Roccella Jonica è stata, giorni addietro, osservata questa strage da un amico che si era colà portato per la pesca d'altura con il suo motoscafo.

     Il pescato di un peschereccio nella citata località, quasi certamente tanto abbondante da far crollare il prezzo del pesce azzurro sul mercato di vendita, ha "consigliato" di disfarsi di una parte del predato, rigettandolo, oramai morto in mare.

     L'Uomo, stolto, è l'unico animale che preda in Natura più di quanto necessario.

     Alle Autorità competenti un invito al controllo ed alla verifica di eventuali comportamenti non conformi alle vigenti leggi in materia di pesca.






permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 4/9/2018 alle 4:10 | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

ale
esperia
fiore
fiordistella
fulmini
garbo
grandmere
il bokkaglio
paoletta
piccoleonde
scalpo
valigetta
Beppe Grillo
Quicalabria


La sua famosa equazione dimostra come L’energia E e la massa m di un corpo non siano indipendenti. Possiamo calcolare l’una a partire dall’altra moltiplicando o dividendo per un fattore c², dove c è la velocità della luce nel vuoto. In altre parole la massa e la luce sono convertibili tra di loro, come gli euro con i dollari, ma al contrario delle monete il tasso di cambio tra energia e massa è fisso.

CERCA